www.sguardocattolico.it (6,5)

http://www.sguardocattolico.it/

Un collettore di blog e siti istituzionali (Avvenire, L’Osservatore Romano…) che propone il meglio di ciò che viene pubblicato. Interessante.

Sguardo Cattolico vuole far conoscere e leggere quei siti cattolici che aiutano credenti e non credenti a comprendere la realtà di oggi alla luce del Vangelo.

Sguardo Cattolico è un servizio dell’Associazione Qumran, che vi invita a visitare:

Scrivici o segnala un blog da includere.

Sguardo Cattolico riporta automaticamente i seguenti siti e blog:

Sguardo Cattolico non modifica nulla di quanto scrivono gli autori dei blog che include.
I contenuti sono responsabilità dei singoli autori.

Sguardo Cattolico è nato il 7 giugno 2010.

www.sguardocattolico.it (6,5)ultima modifica: 2010-12-11T18:27:08+01:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “www.sguardocattolico.it (6,5)

  1. Il Nostro Cardinale di Milano invita alla SOBRIETA’ evitare di spendere in cose futili.
    I centri commerciali lasciano aperto quasi tutte le domeniche a volte fino alle 22 e questo accade anche in centri storici.
    Una povera commessa non solo perde la Messa ma rischia di perdere la famiglia. Allora cosa è sobrietà dare lavoro aumentare così i turni ecc o spendere poco?
    Grazie

  2. Sobrietà. Non ho saputo espromermi. Vorrei sapere dai nostri Pastori quale deve essere il nostro comportamento. SanPaolo era molto preciso. Quì si lanciano degli slogan, ma non si indica con chiarezza la strada maestra. Sono un alto dirigente, cosa devo fare? Battermi per abbassare i consumi non indispensabili, rendere tutto più sobrio, rischiando disoccupazione o mi limito a dire…siate sobri in generale cioè non spreconi. Questo però non è per me un insegnamento.
    Bruno Nunziati

  3. Mi pongo il problema se debba ancora esistere il titolo di “Cavalieri del Lavoro”. Ne conosco tanti e condivido totalmente il pensiero di Montanelli: ” Il sistema capitalistico, non c’è dubbio è il migliore di tutti gli altri tentativi, ma non fatemi mai conoscere un Capitalista” (diceva pressapoco così). Chi sono costoro? Un tempo davano vita a immense fabbriche occupavano migliaia di persone.Le piccole campagne precarie diventavano centri industriali Ricordo : Marzotto. Agnelli, Rizzoli, Olivetti, Rivetti, Ferrero e potrei continuare fino a 60 circa. Adesso cosa fanno questi Cavalieri ! Fra l’altro, nel comune sentire sono i condottieri Italiani e degli italiani. Oggi li vediamo fuggire come dei volgari “cercatori d’oro”.Andando nei paesi terzi o quarti e ancora di più…… dove i missionari si sbracciano per far crescere questa povera gente…..e i nostri Cavalieri vanno afar fare mutande o lavatrici pagando prezzi irrisori chiamando ciò “il mercato”. Propongo di dare il titolo di “Scopritori di sacche di povertà”.

  4. Ho assistito ieri sera alla “penosa” trasmissione sulla 7 condotta dal “simpatico Lerner”. Il tema era il Crocifisso…
    dove sembra che in nessun paese…questo “simbolo” disturba ecc. Perfino una insegnante in una scuola di Gesuiti “cattolicissima” sosteneva che disturba il prossimo.
    Ormai haimè! non ci sono più martiri e giocarsi l’impopolarità (non la vita). Nessuno ha il coraggio di affermare che ..”è il Figlio di Dio” …ed ogni ginocchio si pieghi in tCielo in terra e Sottoterra perchè Cristo è il Signore.
    Bruno Nunziati

Lascia un commento