Sant’Egidio, on line il nuovo sito

http://www.romasette.it/modules/news/article.php?storyid=8015

Cambia veste il portale della Comunità trasteverina in occasione del suo 44° anniversario. In evidenza le pagine tematiche per raccontare le varie iniziative. Il sito mette a disposizione anche dei dossier di N. M. I.

Visita il sito

Nuovo look per le pagine del sito della Comunità di Sant’Egidio che per il suo 44° anniversario dà una veste nuova al suo portale. Un restyling che mette in primo piano una nuova galleria di foto per raccontare gli eventi più importanti della vita della Comunità, un nuovo menù per indirizzare i visitatori alle sezioni specifiche in cui sono spiegate le principali attività messe in campo: le adozioni a distanza, il “Dove” la guida utile per indicare ai poveri i posti in cui potere mangiare, dormire e lavarsi a Roma. In vista anche alcunii dossier, tra cui quello sulla condizione delle carceri in Italia.

Nuovo spazio dedicato anche alle news dall’Italia e dal mondo, che sono in home page affiancate dalla webtv della Comunità, dal suo canale su youtube, dal canale di twitter e dalla rassegna stampa. In evidenza anche il link alle pagine della preghiera quotidiana, cuore di ogni iniziativa della Comunità, e a quelle dei principali campi di intervento: i poveri, le iniziative per cancellare la pena di morte, la lotta all’aids in Africa, l’ecumenismo e i dialogo. Il sito è disponibile in 23 lingue diverse.

E da ieri in home page la notizia della nomina a vescovo ausiliare della diocesi di Roma per il settore Centro conferita da Benedetto XVI a don Matteo Zuppi, assistente ecclesiastico della Comunità.

In evidenza anche l’appuntamento con la celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale William Joseoph Levada, prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede, che si svolgerà oggi pomeriggio alle 18.30 nella basilica di San Giovanni in Laterano in occasione del 44° della Comunità.

Sant’Egidio, on line il nuovo sitoultima modifica: 2012-02-02T19:22:43+01:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento